Casa Al Panorama

Alessano case vacanze a Montesardo in Salento

Casa Al Panorama


Prenota

Case al Frantoio, il piccolo villaggio

Nelle Case vacanze al Frantoio, vi sono tre pajare di nuova ristrutturazione situate in Via Vicinale Murge a Montesardo, piccolo borgo dell’entroterra salentino appartenente al comune di Alessano (provincia di Lecce in Puglia) in uno dei punti più alti del Salento (Serre di Montesardo); qui si trovano affascinanti centri storici da ammirare in una rilassante passeggiata durante il proprio soggiorno. Montesardo dista poco più di 10 chilometri da S.M. di Leuca, e dalla litoranea ionica e altri 5 da quella adriatica. 
Le pajare sono delle costruzioni in pietra tipiche del territorio salentino; possono avere varia forma e in passato erano utilizzate dai contadini come abitazione, vicina alle loro terre. 
La posizione delle pajare dona l’impressione di entrare in un piccolo villaggio colorato che riporta nella quotidianità di un passato lontano ma vicino, ricco di storia, tradizioni e cultura. Un posto magico, dove ammirare e assaporare i frutti dell’orto circostante. Ogni pajara costituisce una struttura a sè, arredata con angolo cottura, letto e bagno con doccia, per un totale di 6 posti letto. Ognuna di esse ha un proprio spazio esterno allestito con sedie, tavolo,  ombrellone e lettini.

Ulivi, ortaggi, fiori e piante di ogni tipo circondano le tre pajare, al cui ingresso vi è un portone video sorvegliato con un ampio spazio auto scoperto. Lo stile è semplice ma funzionale alle esigenze del soggiorno. L’ampio spazio esterno dà un significativo valore aggiunto alle unità immobiliari, consentendo di mangiare all’aperto, rilassarsi sull’amaca o sdraiarsi sul terrazzo al sole o in zone solarium. 

Montesardo si trova in una posizione strategica per visitare agevolmente tutto il sud del Salento. 

L’alloggio

L’abitazione denominata Casa Al Panorama“, è una reinterpretazione in chiave contemporanea della tradizione rurale pugliese, realizzata completamente in tufo leccese e pietra; caratterizzata da un unico ambiente con angolo cottura, uno spazio dove poter mangiare, letto matrimoniale e bagno completo di doccia, water e bidet.

L’alloggio è dotato di aria condizionata, zanzariere e wi-fi.

All’esterno un grande patio accoglie gli ospiti e consente di ammirare il panorama seduti su una sedia da regista e sotto l’ombra di un mandorlo. Il grande patio diventa di fatto una zona solarium dove è possibile prendere il sole su due lettini solari o  fare colazione sotto l’ombra di un ombrellone o leggere un libro sotto una pianta di mandorlo o di alloro.

Altre Cose da Evidenziare

I completi di lenzuola matrimoniali, i set di asciugamani, l’occorrente per cucinare, wi-fi e l’aria condizionata sono inclusi gratuitamente per tutta la durata del soggiorno. Si tratta di una casa vacanze dove gli animali domestici sono i benvenuti senza alcun supplemento.

Montesardo frazione di Alessano

Montesardo è una piccola frazione del comune di Alessano, posizionata su una montagnola a 184 metri dal livello del mare. Dista poco più di 5 km dalla rinomata marina di Novaglie, località balneare di importante meta turistica per le sue affascinanti grotte e acque cristalline.

Il nome Montesardo deriva da una denominazione greca “Tracheion oros”, che in latino è stata tradotta con l’espressione “Mons arduus” (aspro monte), richiamante il nome di un colle poco distante dal Capo di Leuca, da cui l’attuale termine Montesardo. 

Oggi il piccolo paese costituisce il terzo territorio posto più in alto della provincia di Lecce, dopo le Serra dei Cianci e Monte Sant’Eleuterio e per tale motivo Montesardo viene anche denominato la “Cima del Salento”. 
Numerosi scavi rinvenuti nel corso degli ultimi secoli hanno confermato la presenza di cospicui insediamenti tra il IX e il I secolo a.C., periodo che ha significativamente segnato l’aspetto storico e culturale del paese. Tra le architetture presenti nel territorio montesardese vi sono tre Chiese costruite tra il 1400 e il 1700 (Chiesa madre della Presentazione di Maria al Tempio, Chiesa di Santa Barbara, Chiesa dell’Immacolata) e un’importante castello fortificato dalle sue mura, parte delle quali nonostante le profonde trasformazioni subite, è tuttora visibile e circonda la parte antica del paese. La fortezza è stata costruita tra il XV e il XVI secolo, oggi denominata Castello Romasi, dal nome dei baroni Romasi che nel secolo scorso acquistarono la struttura e ne furono i proprietari fino al secondo dopoguerra. Fino al 1800, il castello presentava inoltre numerose torri e vari ingressi principali denominati “Porta la Terra”, “Porta Nova”, “Porta Castello” e “Porta Lo Chiuso”, poi distrutte durante il periodo di dominazione tedesca. 
Il piccolo borgo si porta dietro una tradizione significativa per la gente del posto, la tradizione del “furnaru”, ovvero della preparazione del pane. Erano numerose infatti le botteghe che non solo preparavano il pane ma cuocevano anche quello di coloro che lo impastavano nelle proprie case, passando con carretti per ritirare l’impasto e riportarlo appena sfornato. Non a caso, la gente del posto è riconosciuta e allegramente distinta come “Manciafucazze”.

La parte antica della città è oggi al centro di varie ricorrenze che richiamano numerosi visitatori (la festa patronale di Sant’Antonio, la fiera di Santo Stefano nel periodo post-pasquale e la sagra de “Lu porcu pri pri”), curiosi di cogliere ogni occasione per ammirare le graziose case a corte e le antiche lavorazioni, passeggiando tra l’atmosfera di musiche popolari e buon cibo.

Alessano

Alessano è la cittadina di nascita del vescovo Don Tonino Bello, attualmente in processo di beatificazione. Papa Francesco è stato in preghiera sulla sua tomba al cimitero di Alessano in occasione della sua visita del 20 aprile 2018, un momento unico ed emozionante per tutti i presenti.

Un piccolo Paese scelto anche come set della famosa serie “Il Giudice Mastrangelo” con protagonisti Diego Abatantuono e Alessia Marcuzzi, rimasti affascinati dalla bellezza del suggestivo centro storico, dalle sue tradizioni e dalla sua cultura.


PRENOTA